Canone Rai in bolletta: cosa fare se l’addebito è sbagliato Gli italiani che hanno già ricevuto la bolletta con l’addebito si sono trovati di fronte a errori madornali. Cosa fare

E’ sempre più caos canone Rai. Le fatture elettriche con la prima tranche del canone Rai (70 euro) e la relativa scadenza di pagamento sono cominciate ad arrivare in questi giorni, ma ci vorranno circa 40 giorni per completare la spedizione a tutti gli italiani. Qualche remora potrebbe scattare solo alla fine di agosto. “In questo caso l’importo da pagare è diverso”, spiega Mauro Antonelli dell’Unione nazionale consumatori. “Se l’importo semestrale è pari a 70 euro, chi riceverà la bolletta ad agosto ne sborserà 80, cioè la quota da gennaio ad agosto. Dal mese successivo andrà a regime l’accredito mensile”.

images

Intanto, tra gli italiani che hanno già ricevuto l’addebito sono molti quelli che si sono trovati davanti a errori eclatanti: da chi ha pagato e non doveva, al caso dei coniugi con più utenze.

L‘Agenzia delle Entrate cerca di placare i contribuenti rispondendo alle loro domande, ma per richiedere il rimborsooccorre aspettare che il 4 agosto pubblichi un provvedimento ad hoc. Intanto, alcune precisazioni: l’Agenzia spiega, sia sul sito sia sulla pagina Facebook, che chi si fosse visto addebitare erroneamente i 70 euro (la quota gennaio-luglio del canone) può pagare e chiedere successivamente il rimborso, oppure scegliere di non pagare nulla. Mai, comunque, il mancato pagamento può comportare il distacco della fornitura di energia elettrica.

BOLLETTE PAZZE – Nonostante l’invio della dichiarazione di non detenzione della tv, sta anche accadendo che in molti abbiano ricevuto ugualmente l’addebito del canone Rai. Ma non di 70 euro bensì di 51,03 euro. Il motivo? In pratica, ai contribuenti la cui dichiarazione è stata inviata prima del 16 maggio (ultimo giorno per chiedere l’esenzione attraverso la compilazione del quadro A del modello) è arrivata all’Agenzia delle Entrate dopo quella data è stato comunque addebitato il primo semestre di abbonamento alla televisione. Anche in questo caso bisogna aspettare il provvedimento delle Entrate per capire come richiedere il rimborso.

COSTRETTI A PAGARE – Chi non ha la tv in casa e si è dimenticato di inviare il modulo di esenzione, per quest’anno non può più fare niente ed è costretto a pagare il canone. Ma per evitare di sborsare i soldi nel 2017, la domanda va presentata entro il prossimo gennaio.

MOGLIE E MARITO PROPRIETARI DI SECONDE CASE – Rischiano di pagare più del dovuto i coniugi appartenenti alla stessa famiglia anagrafica, ma titolari di diverse utenze elettriche per uso domestico residente. Detto che il canone è dovuto una sola volta per famiglia, per evitare il doppio addebito è però necessario compilare il quadro B della dichiarazione sostitutiva, indicando il codice fiscale da addebitare. Il termine ultimo per evitare il doppio addebito nei primi sei mesi del 2016 è scaduto, ma in questo caso nulla è perduto.

INTESTATARIO DEFUNTO – Gli eredi dei defunti che continuano a pagare il canone per via degli errori burocratici, per non pagare due volte devono compilare il quadro B della dichiarazione sostitutiva, indicando il codice fiscale. Fermo restando che va fatta quanto prima la voltura della luce, visto che un contratto non può essere intestato a un defunto.

Fonte: www.quifinanza.it

Outlet scarpe donna made in italy13124633_273754276290623_5871161472446667364_n

Canone Rai in bolletta: cosa fare se l’addebito è sbagliato Gli italiani che hanno già ricevuto la bolletta con l’addebito si sono trovati di fronte a errori madornali. Cosa fareultima modifica: 2016-08-03T14:32:49+00:00da felicemerola
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento